Congresso
     
    “Stoccolma – Congresso Annuale della European Association of Urology (EAU)”

    Prof. Antonio Carbone
    Responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Urologia dell’Università “Sapienza” – Polo Pontino ICOT

    11-15 aprile 2014
    Centro Congressi di Stoccolma – Svezia

     
    L’equipe medica dell’Urologia de “La Sapienza” presso il Polo Pontino, grazie alla notevole attività clinica e scientifica svolta dall’insediamento presso il Padiglione Universitario dell’ICOT, ha partecipato a pieno titolo ai lavori del Congresso: 386, 713, V7, V15, V43, sia attraverso la moderazione di sessioni congressuali, che la presentazione di numerosi video di chirurgia urologica effettuati presso l’ICOT e di lavori scientifici.
    Hanno riscosso particolare successo i video di chirurgia urologica laparoscopica ricostruttiva, chirurgia che rappresenta il settore di eccellenza della Unità di Urologia diretta dal Prof. Antonio Carbone.
    Tali video sono stati presentati dal dott. Giovanni Palleschi.
    Il primo riguardava l’intervento di asportazione radicale della vescica (cistectomia) con ricostruzione della stessa per tumore avanzato dell’organo (Video 1).
    Il secondo riguardava il trattamento laparoscopico di alcuni casi complessi di calcolosi delle vie urinarie non trattabili con altro tipo di terapia chirurgica meno invasiva (Video 2).
    Il terzo ha affrontato il trattamento endoscopico in urgenza di lesioni dell’uretere conseguenti ad altri interventi di chirurgia generale o ginecologica (Video 3).
    Successo non secondario hanno ottenuto alcuni lavori scientifici presentati sotto forma di “discussant poster”.
    In particolare un lavoro sul “trattamento non farmacologico della eiaculazione precoce” presentato dal Dr Antonio L. Pastore (Video 4) ha ricevuto una notevole attenzione mediatica (articolo1) e la notizia della avvenuta presentazione è rimbalzata anche sulla stampa italiana ed internazionale fino agli US (articolo2, articolo3, articolo4, articolo5) mentre un secondo lavoro sulla incontinenza urinaria femminile, svolto in collaborazione con altri centri Italiani e con la Società Italiana di Urodinamica ha ricevuto un premio quale “miglior poster”.
    Queste evidenze confermano la valenza internazionale della Urologia del Polo Pontino della Sapienza e ne confermano il ruolo vincente sul piano scientifico che si ripercuote, inevitabilmente, sulla qualità della assistenza sanitaria che l’Equipe Urologica Universitaria fornisce sul territorio pontino.