• IFCA
  • by Cristina Novellino
  • 23/04/2010
    Corso di Formazione
    immagine  
    Qualità dell’ascolto e intenzione empatica nella pratica professionale degli operatori sanitari

    Organizzazione Scientifico/Culturale e Docente:
    Dott. Enrico Ruggini

    Professional Counsellor iscritto al C.N.C.P. Coordinamento Nazionale Counsellor Professionalispecializzato in Psicosintesi Clinica e Counselling conseguita presso la S.I.P.T. (Società Italiana di Psicosintesi Terapeutica – Scuola di Specializzazione in Psicoterapia)

    Firenze, 15 maggio 2010 – Hotel Raffaello (Viale Morgagni n.4/6)

     
    Obiettivo principale:
    Il corso si propone di fornire indicazioni cognitive sul funzionamento della comunicazione utile ed efficace, assieme a strumenti comportamentali di semplice implementazione per il miglioramento dei rapporti sia a livello interprofessionale che soprattutto verso gli utenti delle strutture, al fine di favorire così anche una migliore qualità nella gestione dei servizi.

    “Qualità dell’ascolto e intenzione empatica nella pratica professionale degli operatori sanitari”

    Il progetto è studiato con l’intento di favorire nei discenti una riflessione concreta sulle competenze emotivo/cognitive implicate nella comunicazione professionale in ambito sanitario rivolta a pazienti e parenti. Se è vero che la comunicazione, in ogni sua forma, è alla base di qualsiasi relazione, questo aspetto assume una rilevanza cruciale in ambito sanitario, dove la realtà lavorativa quotidiana impone ad ogni operatore sollecitazioni emotive che rasentano e spesso superano la soglia della normale capacità di contenimento e di adattamento, sconfinando talvolta nell’area del stress.

    Molte difficoltà e incomprensioni che si affacciano nella relazione tra operatori, da una parte, e pazienti e familiari dall’altra, dipendono spesso da una insufficiente consapevolezza del ruolo svolto nella relazione dallo stile comunicativo, da una limitata conoscenza di alcune semplici regole di base che governano lo scambio di segnali e di informazioni, e dalla mancanza di alcune abilità che riguardano l’utilizzo degli strumenti per comunicare.

    Il lavoro in oggetto ha come obiettivo quello di rendere gli operatori delle varie aree professionali consapevoli del piano che sottende lo scambio comunicativo e veicola la gran parte della comunicazione (il quale rimane perlopiù inconsapevole), fornendo loro, attraverso una riflessione attiva, alcuni strumenti di immediato utilizzo per un ri-allineamento comunicativo che possa migliorare la qualità della relazione operatore/utente.

    Il percorso formativo si caratterizza per una metodologia prevalentemente “attiva”, che vuole stimolare alla partecipazione ed al coinvolgimento, tramite l’utilizzo di simulazioni, analisi di casi aziendali forniti dalla docenza o dai partecipanti, a cui seguono o precedono momenti teorici utili per poter inquadrare e valorizzare, dal punto di vista cognitivo, il lavoro esperienziale.

    Al termine dell’incontro ciascun partecipante identificherà uno o più impegni di miglioramento, che porterà nella quotidianità della sua attività lavorativa, visti come occasione di sperimentazione e verifica di quanto appreso.

    Programma

    08.45 – 09.00

     

    Registrazione dei partecipanti

    09.00 – 09.15

    Inizio lavori: presentazione della giornata, presentazione dei partecipanti, Esercizio di training autogeno

     

    Dott. Ruggini

    09.15 – 09.45

    Cenni dei principali modelli teorici e delle regole di base per una comunicazione efficace in ambito sanitari

    Dott. Ruggini

    09.45 – 10.45 Quando comunicare diventa difficile:

    • i colloqui snodo
    • il colloquio clinico come strumento  terapeutico
    • le emozioni in gioco
    • la gestione del paziente e dei familiari
    Dott. Ruggini

    10.45 – 11.30

    La presenza e l’ascolto come strumenti di comunicazione

    • qualità dell’ascolto
    • la comunicazione non verbale
    • la tecnica del silenzio

    Dott. Ruggini

    11.30 – 12.15

    Role playing

    12.15 – 13.00 Esercitazioni a piccoli gruppi Dott. Ruggini

    13.00 – 13.45

    Pausa pranzo    

    13.45 – 14.45

    Empatia, un’intenzione e non una tecnica

    • la risposta empatica
    • la distanza e la centratura
    Dott. Ruggini

    14.45 – 16.00

    Confronto di esperienze individuali Dott. Ruggini
    16.00 – 17.00 Best practice: analisi di casi aziendali Dott. Ruggini
    17.00 – 17.20 Discussione con l’aula Dott. Ruggini

    17.20 – 17.30

    Questionario di verifica dell’apprendimento