• IFCA
  • by Cristina Novellino
  • 01/07/2011
    logo

    L’Arcivescovo di Firenze in visita all’IFCA

    Aggiornamento
    Galleria Fotografica
    Video

     

    CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI – GIOMI FIRENZE

    L’Arcivescovo di Firenze, Mons. Giuseppe Betori, in visita presso il Centro Cyberknife ed i Reparti della Casa di Cura “Ulivella e Glicini”

    Saluto del Dott. Francesco Matera all’Arcivescovo della Diocesi di Firenze, Monsignor Giuseppe Betori
    Eccellenza, sono onorato di portarLe il saluto di tutto il personale medico e non medico della Casa di Cura Ulivella e Glicini e di Santa Chiara, altra struttura del Gruppo, presente qui con noi.
    Eccellenza, La volevo ringraziare per aver accettato l’invito a fare una visita pastorale presso la nostra Casa di Cura per portare il Suo conforto ai nostri degenti e per dare una parola anche a noi per affrontare al meglio il lavoro che quotidianamente siamo chiamati a svolgere nei confronti di quelle persone malate che a noi si rivolgono per avere una risposta di guarigione e sollievo per i loro problemi di salute. Certo, noi curiamo i mali del corpo ma siamo coscienti e consapevoli che anche la cura dell’anima è parte importante per la vita di ciascuno di noi. Sappiamo anche che se abbinate possono dare degli ottimi risultati.

     
    Fa piacere constatare questa Sua disponibilità ad essere oggi qui con noi perché dimostra che davanti a Nostro Signore non vi è differenza tra chi svolge un’attività sanitaria nel pubblico e chi la svolge nel privato convenzionato.
    Invece spesso le Istituzioni civili non hanno e non mostrano la stessa sensibilità facendo una suddivisione preconcetta, come se la cura ai malati fosse diversa a seconda della scelta del luogo di cura. Infatti mai nessun rappresentante delle Istituzioni civili è mai venuto a farci visita. Il fatto che Lei, Eccellenza, oggi sia qui tra noi ci riempie di orgoglio e ci dà una spinta a fare sempre meglio il nostro lavoro.
    All’entrata della nostra Casa di Cura è rappresentata una scultura bronzea dell’Angelo Consolatore che testimonia la nostra missione e cioè quella di essere utili nelle pene che il Buon Dio ci manda.
    Comunicato Stampa
     
    Galleria Fotografica
    Video