• IFCA
  • by admin
  • 24/01/2015
    Evento Formativo ECM 4,7 crediti Provider 1429
     
    “Patient blood management: principi e progetto di implementazione”

    Segreteria Organizzativa:
    Dott.ssa Emilia Villari

    Referente Ufficio Formazione IFCA SpA

    Responsabile Scientifico/Culturale e Docente:
    Dott.ssa Grazia Gentilini
    Medico Dirigente presso Servizio Immunoematologia e Servizio Trasfusionale DAI Diagnostica di Laboratorio, A.O.U. di Careggi – FirenzeResponsabile del settore Assegnazione Emocomponenti
    Specializzazione in Allergologia e Immunologia Clinica

    13 febbraio 2015
    Sala Riunioni IFCA, Via del Pergolino 4/6 – Firenze

    Destinatari: Medici (tutte le discipline) ed Infermieri
    Numero max partecipanti per edizione: 30
    Numero Edizioni: 1

    Segreteria Organizzativa:

    Dr.ssa Emilia Villari, tel. 055/4296158 – fax 055/5038601- 055/4296244, e-mail: e.villari@giomi.com
    Il modulo d’iscrizione all’evento è presente nell’Intranet Aziendale Mod. M62-09
    Scadenza iscrizioni: 5 febbraio 2015

     
    Obiettivo Formativo di Sistema
    n. 1 – applicazione nella pratica quotidiana di principi e procedure dell’Evidence Based Practise (EBM –ECN -EBP)
    Obiettivo Principale
    Ottimizzare la gestione della risorsa sangue è possibile unicamente mediante un approccio multidisciplinare e multiprofessionale che si incardina su tre “pilastri”: ottimizzare l’eritropoiesi del paziente; ridurre al minimo il sanguinamento; sfruttare ed ottimizzare la riserva fisiologica del paziente anemico. L’OMS richiede nel 2010 ai governi ed agenzie nazionali competenti di promuovere l’implementazione di programmi di Patient Blood Management in chirurgia elettiva. La chirurgia protesica degli arti inferiori è, universalmente, l’ambito dove maggiormente sono rivolti gli sforzi di pianificazione di azioni coerenti finalizzate al miglioramento della gestione della risorsa sangue, il che comporta anche un risparmio economico. Gli attori del sistema sono in primis le direzioni delle strutture coinvolte, il personale medico (anestesisti, chirurghi, trasfusionisti, medici di medicina generale), infermieri.
    Con il corso il personale coinvolto dovrebbe acquisire le conoscenze necessarie per la partecipazione ad un tavolo di lavoro finalizzato alla stesura di un programma di PBM